Progettazione definitiva ed esecutiva strutturale relativa al “Riutilizzo dell’area ex mercato ortofrutticolo comunale” nel Comune di Torre del Greco -Napoli

 

 

Committente: Ing. Alfredo Frojo
Anno 2003/2005
Importo opera: € 5.645.000,00
Il manufatto è composto dai seguenti elementi strutturali:
•    Telai in c.a.;
•    Solai a soletta piena a quota +1.22 m;
•    Solai gettati in opera ai livelli superiori;
•    Solai in legno lamellare (alle quote +4.7 e +8.2) per i corpi in elevazione in muratura di tufo;
•    Murature in tufo;
•    Ponticelli pedonali;
•    Vasca di accumulo
•    Fondazioni;
•    Paratia di pali.

Le opere da realizzare, ricadono in zona sismica di II categoria (S=9), dichiarato sismico con D.M. 7 marzo 1981 (G.U. 20 marzo 1981 n° 79) e confermato sia con la Delibera n° 5447 del 7 novembre 2002 della Giunta Regionale della Campania pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Campania n° 56 del 18 novembre 2002 “Aggiornamento della classificazione sismica dei comuni della Regione Campania” sia con l’Ordinanza 20 marzo 2003 n. 3274 della Presidenza del Consiglio dei Ministri pubblicata sul supplemento Ordinario G.U. n° 105 del 08/05/2003.

CORPO A:
Il modello strutturale del telaio tridimensionale costituito dalle travi e dai pilastri del blocco è riportato in Figura 1.

CORPO A.

 

Figura 1 – Il modello tridimensionale del corpo A

 

 Il modello di calcolo analizzato col metodo degli elementi finiti ed è schematizzato utilizzando elementi “trave” per il calcolo delle travi e dei pilastri. L’elemento trave è monodimensionale a 2 nodi e a sezione costante. E’ atto a trasmettere forze assiali, di taglio e di momento. L’elemento trave trasferisce rigidezza a tutti i sei gradi di libertà dei nodi cui è connesso.

 

CORPO B:
I due corpi di fabbrica centrali sono costituiti da un primo livello previsto con struttura intelaiata in c.a. su cui poggiano i due livelli superiori con struttura portante realizzata con maschi in muratura di tufo e orizzontamenti in struttura mista legno – calcestruzzo che delimitano i locali commerciali.
Tali corpi, identici per caratteristiche geometriche e funzionali, vengono schematizzati e rappresentati da un unico modello di calcolo.
Il modello strutturale del telaio tridimensionale costituito dalle travi e dai pilastri del singolo blocco. è riportato in Figura 2

corpo B

Figura 2 – Il modello tridimensionale del corpo B

 

 

La struttura è collegata al cordolo di coronamento delle paratie laterali: tale collegamento è schematizzato con un vincolo incastro. Nel modello sono stati inseriti nei campi all’estremità degli elementi lastra che schematizzano la soletta in c.a. anch’essa collegata al cordolo di coronamento delle paratie laterali.

CORPO C:
Il modello strutturale del telaio tridimensionale costituito dalle travi e dai pilastri del blocco. è riportato in Figura 3.

corpo C

Figura 3 – Il modello tridimensionale del corpo C

I setti in c.a., previsti nelle zone degli ascensori, sono stati schematizzati con elementi bidimensionali tipo “guscio”.
CORPO D:
Il modello strutturale del telaio tridimensionale costituito dalle travi e dai pilastri del blocco. è riportato in Figura 4.

corpo D
Figura 4 – Il modello tridimensionale del corpo D

 

VASCA ANTINCENDIO – MODELLO DI CALCOLO:
la struttura tridimensionale del modello è riportata in Figura 5

vasca

Figura 5 – Il modello tridimensionale della vasca