Progettazione definitiva, esecutiva, direzione lavori e coordinamento della sicurezza per i lavori di restauro e consolidamento della facciata, dei sottotetti e della copertura del fabbricato in via Depretis, 88 – Napoli

 

 

Committente: condominio di via Depretis, 88
Anno 2007 – data apertura 21/11/2006 – data consegna: 08/03/2007
Importo opera: € 648.716.25

L’immobile di via Agostino Depretis, 88 è un esempio di architettura nata dai provvedimenti relativi ai piani di risanamento ed ingrandimento della città di Napoli alla fine del XIX secolo. L’accesso è su via Agostino Depretis, al civico 88. Oltre che da tale asse principale, il lotto è delimitato dalle vie Potenza, Gioia, e dalla rua Catalana. Non è soggetto ad alcun vincolo monumentale né paesaggistico ai sensi delle vigenti leggi di tutela. L’edificio consta di 6 piani, compreso il piano terra e l’attico, ed escluso il livello dei sottotetti e delle coperture. Un alto basamento, in pietra, corre lungo l’immobile per quasi due livelli (piano terra e primo ammezzato); al di sopra prosegue la facciata con stucchi decorati con motivi tardo ottocenteschi, scandita da paraste e sormontata da un ultimo livello oltre la fascia marcapiano, con un cornicione aggettante.

Le murature sono in tufo giallo napoletano, gli orizzontamenti ai vari livelli sono su solai con travi di ferro a doppio T e voltine di tufo, secondo una tecnologia che risale alla fine del XIX secolo. Il ferro laminato ed incatramato a caldo era protetto dalla corrosione con olio di lino, vernici di piombo o di manganese. Gli architravi sono in pietra da taglio (pietrarsa, piperno), le piattabande sono in tufo lavorate a cuneo. Le volte delle scale sono ad archi rampanti in muratura di tufo. Il vano scala è coperto con una struttura vetrata ad elementi metallici, che si presenta oggi in discreto stato di conservazione.

Le facciate principali dell’immobile danno sulla via Agostino Depretis, ma il lotto interessa anche affacci sulle via Gioia, rua Catalana e via Potenza. Esse presentano talune forme di degrado tipiche dell’incuria e dell’assenza di manutenzione, come ad esempio la presenza di vegetazione infestante e di radici nei giunti aggravate dall’umidità in punti in cui si riscontra l’interruzione della pluviale. Altrove le cause di degrado sono collegabili ad azioni deliberate come ad esempio le lacune di materiale causate da azione meccanica e manomissioni, le alterazioni causate da uso di materiale non idoneo e/o errata posa in opera, la sovrapposizione di elementi o di targhe pubblicitarie, le lesioni della pietra provocate da sollecitazione meccanica e alterazione chimico/fisica, le macchie ed i graffiti provocate da uso di materiali non idonei o da azioni di vandalismo.

Gli interventi interessano le facciate, il corpo scala con l’androne e la copertura con i sottotetti, secondo le più moderne tecnologie di restauro, nel rispetto filologico delle presistenze e nella scelta di sostituire solo quelle parti ammalorate causa di ulteriori danni per lo stato di conservazione dell’edificio, e nel rispetto delle esigenze abitative e di decoro dell’immobile.

Il progetto ha proposto, in aggiunta, di sostituire la vetrata esistente integrando un impianto contenente elementi di captazione di energia solare.
Allo stato attuale sono stati appaltati i lavori di restauro all’impresa aggiudicataria. La B5 srl è incaricata della Direzione dei Lavori.

 

Il Cantiere

Cantiere: via Depretis n°88 – Napoli
Inizio lavori: 2009
Importo lavori: € 656.954,95;
Impresa esecutrice: Rest Cost S.r.l.